TAGLIO SIEPI - PULIZIA TERRENI AGRICOLI - SFALCIO PRATI 2020

Pubblicata il 17/04/2020

Si invitano i proprietari di siepi confinanti con le strade, al fine di assicurare la visibilità e l’incolumità della circolazione i proprietari di siepi confinanti con le strade:
  • a mantenere le siepi e gli arbusti nonché le piante ad alto fusto, da frutto e ornamentali, regolate permanentemente in modo da non restringere o danneggiare la strada oltre ad evitare di nascondere la segnaletica o comunque comprometterne la leggibilità dalla distanza e dalle angolazioni necessarie. La vegetazione non deve in nessun caso protendersi oltre il ciglio stradale per un’altezza minima di almeno 4,50 mt. gli stessi proprietari sono altresì obbligati a rimuovere dalla sede stradale alberi, rami, fogliame od altro materiale ivi depositato a seguito di intemperie o per qualsiasi altra causa.
  • ad assicurare la regolare manutenzione dei fossi stradali e di scolo con sfalcio delle rive e taglio delle piante cresciute spontaneamente all’interno dell’alveo e a ripristinarli se abbandonati o ricoperti o intasati.
  • alla sistemazione degli accessi alle strade in modo che le acque provenienti dalle proprietà private scorrano lungo i fossi e non invadano la sede stradale.
Si avverte che, in caso di inadempienza da parte del proprietario, il Comune oltre all’applicazione della sanzione amministrativa da € 173,00 a € 695,00 prevista dal Codice della Strada, incaricherà una ditta per l’esecuzione dei lavori, addebitando i costi dell’intervento ai proprietari ed ai loro conduttori.
 
Per assicurare la pulizia dei terreni agricoli e lo sfalcio prati nei centri abitati si invitano i proprietari o coloro che ne hanno la disponibilità:
  • a provvedere, almeno una volta all’anno, allo sfalcio, all’aratura o all’esecuzione di altri interventi al fine di evitare la proliferazione di animali, microrganismi e/o erbe infestanti.
  • a provvedere alla manutenzione degli stessi attraverso lo sfalcio periodico dell’erba almeno due volte all’anno entro il 15 giugno e il 15 settembre o comunque quando l’erba supera l’altezza di 50 cm.
Si avverte che, in caso di inadempienza da parte del proprietario, il Comune oltre all’applicazione della sanzione amministrativa da € 75,00 a € 500, prevista dal Regolamento di Polizia rurale, incaricherà una ditta per l’esecuzione dei lavori, addebitando i costi dell’intervento ai proprietari ed ai loro conduttori.

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto